Home » Casa » Essere una buona madre, non significa essere una buona domestica

Essere una buona madre, non significa essere una buona domestica

Da

Molte volte, per varie ragioni, alle madri viene affidato il compito del lavoro domestico. Tuttavia, ciò può talvolta risultare indesiderato, sovraccarico e persino offensivo. Riflettiamo insieme su questo.

Quando senti dire “Sono mamma”, quale è la tua prima reazione? Provi gioia, soddisfazione e felicità o piuttosto pensi a sacrificio, disperazione e schiavitù? Benché la nascita di un figlio possa rappresentare uno dei momenti più emozionanti della nostra vita, sorge inevitabilmente un dilemma: sono solo una mamma o anche una domestica?

Sono mamma, non una domestica
Sono mamma, non una domestica

Chi dovrebbe occuparsi delle faccende di casa? Una mamma dovrebbe fungere anche da domestica? È giusto liberare completamente i propri figli dai doveri domestici, ritenendo che siano già oberati dai compiti scolastici? E soprattutto, come influenzerà questa visione i nostri figli quando diventeranno adulti?

Sono mamma, non una domestica

Nelle nostre case, specie in Occidente, esiste spesso l’errata convinzione che i bambini debbano solo ricevere senza dare in cambio, un atteggiamento che può portare problemi nella loro vita adulta, facendoli ritenere che la madre debba servirli in tutto.

Potremmo ritenerlo un semplice problema educativo, pensando che si risolverà da solo in età adulta. Ma la madre deve innanzitutto comprendere il suo ruolo principale e chiarire ai propri figli: sono tua madre, non la tua domestica.

Le nostre azioni influenzano il futuro sviluppo del nostro figlio. E se ci attiviamo fin da subito, possiamo costruire un ambiente di collaborazione e supporto reciproco in casa.

LEGGI ANCHE  Riscaldare il caffè del giorno prima: ecco tutto quello che dovete sapere su questa pratica
Sono mamma, non una domestica
Sono mamma, non una domestica

Soluzioni al problema

La chiave è agire tempestivamente, prima che si instauri un comportamento errato. Per garantire che i nostri figli non ci vedano come semplici colf, dobbiamo essere i primi a cambiare tale percezione.

Assegna doveri ai tuoi figli fin da piccoli

Gli esperti suggeriscono di iniziare già dai due anni, o anche prima. I bambini, ad esempio, possono raccogliere i loro giocattoli o i vestiti. Con l’età, potranno assumersi compiti più complessi, come cucinare o mettere in funzione la lavatrice. L’obiettivo non è far sì che eseguano perfettamente ogni compito, ma far capire che tutti devono collaborare.

Insegnare l’importanza dell’aiuto reciproco

È stato notato che i bambini a cui vengono assegnate responsabilità tendono a mettere gli altri al primo posto. Questo li forma come individui altruisti e responsabili.

Il nostro obiettivo è fare in modo che i bambini crescano con una percezione equilibrata dell’età adulta, comprendendo che nessuno sarà sempre al loro servizio, nemmeno la madre.

Quindi, se desideriamo essere madri soddisfatte ed educare figli maturi e responsabili, insegniamo loro sin da piccoli l’importanza della responsabilità domestica. Così non avremo mai bisogno di ribadire: “Sono mamma, non la tua domestica”.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

Potrebbero interessarti…

Le informazioni proposte all’interno del sito rimediincasa.com non costituiscono, in alcun modo, una consultazione medica, una visita o una diagnosi di uno specialista. Le informazioni fornite su sito internet si prefiggono l’obiettivo di integrare e mai sostituire le informazioni che gli specialisti possono dare. I prodotti, i rimedi ed i trucchetti forniti sono a scopo informativo e in nessun modo è possibile garantire dei risultati certi, qualsiasi rimedio citato varia in base alle diverse situazioni.