Come coltivare il gelsomino: puoi farlo anche in vaso

Il gelsomino è una pianta molto apprezzata sia per quanto riguarda la sua fragranza piacevole, sia perché risulta essere molto decorativa, in particolar modo quando si hanno spazi esterni. Per riuscire ad ottenere una buona fioritura è importante posizionarla in un luogo abbastanza soleggiato, ma che comunque non sia a contatto costante con la luce diretta del sole, in modo da assicurare una buona crescita.

A dispetto di ciò che si può pensare, questa pianta sempreverde, sebbene abbia bisogno di essere annaffiata in modo regolare e continuo, si deve evitare di andare a creare dei ristagni che possono comportare la marcescenza della stessa. Per ottenere un perfetto sviluppo del nostro gelsomino, infatti, sarà necessario scegliere il giusto tipo di concime, in modo particolare durante la stagione primaverile, così da aiutarne la fioritura.

the jasmine hedge in bloom in the summer time 2022 06 07 23 07 14 utc
credit by envato elements

Ad esempio, nei periodi caldi è consigliabile utilizzare un concime liquido da miscelare con l’acqua da usare per innaffiare la pianta, in modo tale da ottenere sempre una pianta florida. Quando si decide di coltivare il gelsomino in casa bisogna prestare particolare attenzione ad alcuni parassiti che possono infestare la nostra pianta, come ad esempio cocciniglie e afidi.

Questi sono soliti nutrirsi della melata, una sostanza molto dolce che si trova sulle foglie. In questo modo si va a creare un terreno fertile per la proliferazione di funghi e muffa, problematiche che vanno risolte immediatamente per evitare problematiche di qualsiasi genere.

happy mothers day g8485e42db 1280
credit: Pixabay/congerdesign

Esistono moltissime varietà del gelsomino, ognuna che si distingue dall’altra in base a delle piccole peculiarità; tra le più conosciute ed apprezzate troviamo sicuramente:
1. Gelsomino giallo: classica pianta del gelsomino i cui fuori però hanno un meraviglioso colore giallo.
2. Gelsomino azzurro: anche in questo caso si tratta della pianta “originale” che viene resa unica dai fuori di color azzurro.
3. Gelsomino del Madagascar: utilizzato solitamente quando si deve effettuare la coltivazione all’interno del vaso in quanto risulta avere una dimensione più piccola rispetto a quello classico.
4. Falso gelsomino: è una delle varietà rampicanti più conosciute ed apprezzate, con i suoi classici e bellissimi fiori bianchi.