Come pulire il filtro della cappa della cucina

All’interno delle nostre cucine, ci sono alcuni strumenti che risultano essere assolutamente indispensabili, non solo per la buona riuscita delle nostre ricette, ma anche per evitare i cattovi odori in casa, accumuli di condensa e così via.

Tra questi, sicuramente uno degli elementi indispensabili, è senza ombra di dubbio la cappa, che appunto ci permette di filtrare i cattivi odori, evitando che si espandano in tutta la casa. Per fare in modo che funzioni sempre al meglio, è consigliabile mantenere una corretta e regolare pulizia, in modo tale che il filtro non si vada ad ostruire e continui a fare il suo lavoro in modo ottimale.

Infatti con il continuo utilizzo, può succedere che il filtro della nostra cappa si ostruisca a causa dei grasso, dei residui di cibo, di sporco e polvere che si vanno ad annifare su di essa, rendendo la sue efficacia sempre minore.

Ovviamente è sempre consigliabile seguire le istruzioni date dalla casa produttrice per la manutenzione e prima di iniziare ad utilizzare dei prodotti naturali, è utile comprendere se il materiale della nostra cappa è compatibile con il prodotto che vogliamo utilizzare.

La zona esterna della cappa, solitamente è quella più semplice da pulire. Nella maggior parte dei casi creata in acciaio, è uno dei punti sul quale si accumula una maggiore quantità di sporco e polvere.

Per la sua pulizia, grazie alle sue proprietà disinfettanti, sgrassanti ed igienizzanti, un perfetto ingrediente naturale è l’aceto bianco. Basterà versarne una piccola quantità su un panno umido e strofinarlo sull’intera superficie. Nel momento in cui le macchie e le incrostazioni dovessero risultare più ostinate, è possibile sostituire l’aceto con il succo di limone.

Se sulla nostra cappa dovessero persistere dei forti e sgradevoli odori, un grande aiuto può arrivare dal bicarbonato di sodio. Miscelando questo ingrediente con dell’acqua tiepida in modo da creare una pasta morbida e applicandola sulla superficie, in pochi minuti avrà assorbito ogni odore.

Per quanto riguarda invece la zona interna, ci vorrà maggiore attenzione per evitare di rovinare i componenti. Dopo aver smontato il filtro, solitamente creato con materiali metallici, è possibile utilizzare i prodotti usati in precedenza, come aceto bianco e succo di limone. Lasciando agire i prodotti sulla superficie per qualche minuto e strofinandoli accuratamente, in poco tempo otterremo un perfetto risultato.