Il latte fa bene alle piante?

Esistono degli alimenti che, nonostante si pensi vadano bene solamente se ingeriti, in realtà nascondono delle ottime proprietà che permettono il loro utilizzo anche per cose inaspettate.

Il latte, ad esempio, non deve essere utilizzato solamente come alimento o per la preparazione di ricette e se in casa si ha del latte avanzato o che, per esempio è scaduto da poco, lo si può utilizzare per le piante.

Questo ingrediente, infatti, risulta essere un perfetto alleato per la cura delle piante, in quanto dona loro moltissimi benefici. Per la cura delle piante è possibile utilizzare qualsiasi tipo di latte, che sia il fresco, quello a lunga conservazione, intero, scremato o addirittura in polvere o senza lattosio.

Ognuno di questi prodotti dona grandi proprietà benefiche facendo in modo che il giardino risulti sempre in perfette condizioni. Andiamo quindi a scoprire quali sono le proprietà benefiche che questo semplice ma speciale alimento dona alle nostre piante.

hanging indoor plants lipstick plant 2021 08 30 06 59 48 utc 1 1

1. Fertilizzante

Il latte scaduto è perfetto per essere utilizzato come fertilizzante per le nostre piante, in quanto possiede una grande quantità di minerali che fanno sì che le piante crescano più sane. Ovviamente bisogna che questo venga diluito e anche molto, calcolando il 20% di latte e l’80% di acqua, andando ad applicare la miscela per un massimo di due volte al mese.

2. Detergente

Ebbene sì, il latte è un perfetto ingrediente che offre la possibilità di pulire le nostre piante, soprattutto quando si tratta di quelle da interno. Grazie al latte, infatti, le foglie risulteranno essere più lucenti e avranno una maggiore protezione dai funghi. Basterà semplicemente inumidire un panno e strofinarlo delicatamente su di esse.

3. Contro i parassiti

Come detti in precedenza, il latte dona una grande protezione dai funghi, ma in realtà protegge le nostre piante anche da altri parassiti. Infatti, concimare le piante aiutandosi con il latte, le renderà più resistenti alla comparsa degli afidi, oltre che delle mosche bianche e gli acari.